Disordini posturali: Soffri di dolori articolari o muscolari frequenti?

Disordini posturali: Soffri di dolori articolari o muscolari frequenti?

Un capitolo molto rilevante della mia professione riguarda i dolori frequenti e recidivanti, quelli cioè che tendono a persistere o ripresentarsi nel tempo e che non hanno una causa ben chiara, come un evento traumatico.

Lombalgie, cervicalgie o gonalgie sono solo alcuni dei mille esempi che comunemente vengono sempre più spesso associate al concetto di ``postura errata``.
Ma cosa è in realtà la postura? In parole semplici è l'interazione tra i nostri sistemi neuro-muscolo-scheletrici, percettivi e psicologici, che si esprime nella statica e nel movimento.

Escludendo cause sistemiche più gravi (es. patologie reumatiche), questa tipologia di dolori possono essere il risultato di movimenti disfunzionali, cioè di movimenti alterati in termini di distribuzione di forze e di ruoli, che si traducono in infiammazioni articolari, tendinee o connettivali.

Premettendo che nessuno di questi dolori è identico tra due persone diverse, provo a spiegare meglio il concetto sopra citato:

Parlando di lombalgia (termine troppo comune in realtà!), spesso incontro pazienti con muscoli posteriori molto rigidi e dolore nei movimenti di flessione del busto in avanti. Di solito questa condizione coincide con una difficoltà oggettiva di attivazione della muscolatura profonda dell’addome, la quale ha il ruolo fondamentale di stabilizzare la colonna vertebrale, prima di effettuare il movimento del tronco in avanti. Se ciò non avviene il risultato sarà un irrigidimento della muscolatura più superficiale, una alterazione coordinativa dei muscoli che gestiscono il bacino ed un peggioramento del quadro clinico, fino a condurre a protusioni o ernie discali disabilitanti.

Capire se è nato prima l'uovo o la gallina non è sempre facile, ma di sicuro dolore e movimento si influenzano a vicenda!

E' importantissimo quindi comprenderne le cause, spesso legate a strascichi di infortuni passati non ben recuperati, interventi chirurgici o semplicemente abitudini sbagliate.
Anamnesi completa, valutazione manuale e test funzionali di movimento sono senza dubbio le armi migliori per definire un iter terapeutico adatto a risolvere in maniera definitiva queste sintomatologie, integrandoli al bisogno con trattamenti osteopatici od ortesi come bite e plantari.
Nella mia pratica sono abituato a dare molta importanza alla compliance del paziente, cioè alla parte attiva della terapia, dandogli così la possibilità di diventare protagonista e costruttore del suo benessere, anzichè semplice spettatore.

Che tu sia uno sportivo o che tu conduca una vita più sedentaria, sarò felice di darti una mano o un consiglio. Puoi trovare i miei riferimenti nella sezione CONTATTI oppure continuare a leggere i prossimi articoli del blog!

Potresti essere interessato a

About The Author

Nicola Basile
FISIOTERAPISTA specializzato in ambito sportivo, ha collaborato per 10 anni con alcuni tra i più prestigiosi centri medici di Bologna e Torino, oltre a diverse società sportive professionistiche di serie A di calcio, baseball e pallamano.