DIVANO IS A KILLER!

DIVANO IS A KILLER

Inutile provare a contare le ore che ognuno di noi (me compreso) passa sul divano in questo periodo di quarantena…di sicuro il risultato sarà “TROPPE”!
Sappiamo bene che tutto ciò in cui si esagera alla fine risulta essere dannoso per il nostro corpo, soprattutto se andiamo ad analizzare cosa succede alla nostra schiena quando sediamo sul divano.
Come già affrontato nell’articolo riguardante il mal di schiena in chi passa molto tempo seduto, la principale condizione che provoca malessere è la perdita della fisiologica lordosi lombare, che è causa di forze di compressione anomale sui dischi intervertebrali. È bene chiarire che sul divano, tendenzialmente, queste forze si moltiplicano.
In questo articolo mi interessa, però, porre attenzione alle strategie da usare per poter trasformare la nostra postazione preferita di questi giorni in qualcosa di utile per il benessere della nostra schiena.

Step uno: VINCERE LA PIGRIZIA!

Ebbene si, come l’automobile si mette in moto dall'interno, alla stessa maniera dobbiamo essere in grado di creare quella scintilla che ci da lo stimolo giusto per iniziare…la musica giusta direi che può avere un discreto ruolo!

Step due: PRONTI, VIA!

Il primo esercizio riguarda la mobilità della colonna vertebrale e lo possiamo fare mettendoci in ginocchio sul divano, seduti sui talloni, con la schiena dritta e le mani in appoggio sulle ginocchia. Inspirando estendiamo la schiena: lo sguardo va verso il soffitto, il petto in avanti ed il bacino ruota indietro. Espirando, invece, creiamo delle rotazioni opposte: lo sguardo va verso l’ombelico, il dorso si muove posteriormente ed il bacino ruota in avanti. Facciamo questo mantenendo le spalle rilassate e seguendo il naturale ritmo del nostro respiro, per almeno 7 volte, riportando alla fine la schiena in una posizione neutra. La scelta la effettuerà il medico a seconda delle valutazioni sulle condizioni e necessità del paziente.
Rimanendo nella stessa posizione, spostiamo ora le mani sullo schienale del divano e da questa posizione iniziamo una graduale contrazione dei glutei, in modo da produrre uno spostamento del bacino in avanti e verso l’alto. Sentiremo la sensazione di stretching sulla parte anteriore delle cosce e delle anche. Cerchiamo di mantenere questa posizione per circa 8 secondi, ripetendola per almeno 7 volte e focalizzando l’attenzione sul nostro respiro.
Fatto ciò, ci portiamo in piedi di fronte al divano, ad una distanza di circa un passo. Da qui, portiamo un piede in appoggio sulla seduta, mentre l’altro rimane a terra rivolto in avanti. Flettendo il ginocchio della gamba anteriore e mantenendo disteso l’altro, ci portiamo in una posizione di allungamento che, con calma, proviamo ad intensificare spingendo prima il bacino verso il basso e poi tirando su le braccia ed estendendo il tronco. Facciamo attenzione a mantenere rilassate le spalle ed a non perdere l’equilibrio. Dopo aver contato 5 o più respiri, torniamo a guardare in avanti ed estendiamo il ginocchio della gamba in appoggio sul divano, mantenendo dritta la schiena. Altri 5 respiri qui e poi invertiamo le gambe.

Step tre: COME STATE ORA?

Registrare il cambiamento è molto importante per poter essere spronati a farlo ancora, attivando sistemi decisionali che ci portano a capire e catalogare cosa è buono per noi e cosa no. Una tensione che si allenta è sempre un qualcosa di positivo, ma non andiamo contro un dolore se si dovesse presentare.
Prova a mettere in pratica questa semplice sequenza, anche più volte al giorno se ne senti la necessità, rispettando sempre il tuo corpo ed i suoi tempi. Un caro saluto

Potresti essere interessato a

About The Author

Nicola Basile
FISIOTERAPISTA specializzato in ambito sportivo, ha collaborato per 10 anni con alcuni tra i più prestigiosi centri medici di Bologna e Torino, oltre a diverse società sportive professionistiche di serie A di calcio, baseball e pallamano.

No Comments

Leave a Reply